Servizio CBS sulla fusione fredda

Pubblicato: aprile 5, 2011 in Fusione Fredda

Video cbs

Ogni tanto qualche giornalista riesce a stupire. Scott Pelley, redattore della trasmissione “60 Minutes” (CBS), decide di verificare di persona il fenomeno conosciuto come “fusione fredda”, ritenuto dalla scienza ufficiale “scienza spazzatura”.

Pelley intervista così lo scienziato McKubre, che da 20 anni lavora nel campo e che, a suo dire, ha raggiunto ormai risultati innegabili e sorprendenti. La scienza ufficiale però respinge ogni sua dichiarazione senza nemmeno degnarsi di verificarla, avendo già deciso che la “scoperta” di Fleishmann e Pons, che risale al 1989, non avesse alcun fondamento scientifico.

(La seconda parte del video all’interno)

A questo punto Pelley si presenta alla American Physical Society, l’associazione nel settore più importante d’America, per farsi consigliare uno scienziato indipendente che possa verificare il presunto “eccesso d’energia” dichiarato da coloro che sostengono la fusione fredda.

Gli viene suggerito Rob Duncan, uno scienziato esperto in misurazioni energetiche, …

… che viene portato da Pelley a verificare il lavoro di un laboratorio israeliano, dove sembra si stiano ottenendo ottimi risultati con la fusione fredda.

Inizialmente scettico, Duncan si ritrova di fronte a risultati talmente sorprendenti che alla fine cambia radicalmente la sua posizione in materia. Ma questo non impressiona minimamente scienziati “ufficiali” come Richard Garwin, uno dei fisici più autorevoli al mondo, famoso per aver lavorato al progetto – “purtroppo di grande successo”, dice lui – della bomba H.

“Io dubito, quindi la scienza dubita – dice in sintesi Garwin – McKubre e Duncan certamente si sbagliano”. Garwin si dichiara inoltre non interessato a studiare il fenomeno, perchè “se non capiamo come funziona allora è inutile”.

Come dire che bisogna studiare solo le cose che già si conoscono. Curiosa dichiarazione per uno scienziato. E pensare che altri suoi colleghi, evidentemente di diverso calibro, in passato hanno dichiarato:

“Laddove dove c’è la difficoltà, è li che si trova l’opportunità”(Albert Einstein)

“L’anomalia è la chiave per accedere ad una nuova conoscenza” (Nikola Tesla)
FILMATO
http://www.youtube.com/watch?v=sgkRykl0YWE&feature=player_embedded (Prima parte)
http://www.youtube.com/watch?v=fLXRxnyT1yw&feature=player_embedded (seconda parte)

E’ possibile scaricare il filmato in alta risoluzione qui.

Interessante articolo presa da qui

Annunci
commenti
  1. Camillo Franchini ha detto:

    Duncan si ritrova di fronte a risultati talmente sorprendenti che alla fine cambia radicalmente la sua posizione in materia. Ma questo non impressiona minimamente scienziati “ufficiali” come Richard Garwin, uno dei fisici più autorevoli al mondo,…

    C’è da stupirsi? Garwin è stato un dei 18 esperti incaricati da Bush Senior di indagare sulla ff, immediatamente dopo l’uscita pubblica di F&P nel marzo 1989. Ci ha lavorato fino a novembre con gli altri esperti, dopodiché non si è più occupato di fusione fredda.
    Avrebbe dovuto impressionarsi per il comportamento di Duncan? Una volta chiusa l’indagine e consegnate le sue considerazioni è passato ad altra attività. Mi sembra la cosa più normale del mondo.

    • Rodrigo ha detto:

      Mamma mia, quanta superficialità in questo commento.
      Non conosco i soggetti in questione, ma se Duncan viene definito “uno scienziato indipendente” e “uno scienziato esperto in misurazioni energetiche” perché non dovrebbe essere degno di attenzione quando dice che in quegli esperimenti si verificano degli eccessi di energia tali da fare cambiare idea ad uno scettico?

      La posizione di Garwin mi sembra quella classica da “impiegato del catasto” invece che quella dello scienziato. La curiosità dovrebbe essere il motore che fa restare vive certe persone, invece ci si trova di fronte a gente che si sveglia la mattina per andare a sedersi al posto di lavoro a fare i soliti quattro conticini in attesa della fine della giornata, per poi tornare a casa a sedersi sulla poltrona in attesa di andare a letto.

      Siccome venti anni prima aveva studiato un esperimento palesemente carente sotto molti aspetti, dovrebbe battezzare come inutile qualsiasi altro lavoro senza neanche analizzarlo? Certo che avrebbe dovuto impressionarsi per il comportamento di Ducan, avrebbe dovuto chiedergli spiegazioni, avrebbe dovuto tempestarlo di email, avrebbe dovuto chiedergli di partecipare agli esperimenti, avrebbe dovuto alzarsi dalla poltrona mosso dalla curiosità, non avrebbe dovuto dormire la notte per l’eccitazione, altro che chiudere le indagini, consegnare le conclusioni e passare ad altra attività per il resto della vita.
      Ti sembra la cosa più normale del mondo? A me sembra il comportamento di una persona che è morta senza saperlo non il comportamento di uno scienziato.

  2. Camillo Franchini ha detto:

    @Rodrigo
    Da quello che ho letto sopra non risulta che tipo di ricerche in ff abbia fatto Duncan.
    Se qualcuno mi segnala un suo articolo lo leggerò volentieri.
    Garwin effettuò i suoi controlli sulla ff per almeno sei mesi nel 1989; era uno dei 18 periti ERAB/DoE.
    Da quell’inchiesta governativa risultò che la ff doveva essere considerata scienza patologica.
    Nel 2004 fu nominata una nuova Commissione di 24 esperti. Restò in carica un anno e i risultati della prima inchiesta furono confermati.
    La scienza mainstream ha bocciato fin dal 1989 la ff, c’è poco da recriminare.
    Quest’anno lo AIP (American Institute of Physics) Publishing ha rifiutato di pubblicare gli atti di una conferenza sulla ff.
    Questa è la considerazione in cui è tenuta la ff.
    In ogni modo, spero di poter leggere qualcosa di questo Duncan che ha colpito la fantasia del notista di “Dibattiti”.
    Cordiali saluti

  3. Rodrigo ha detto:

    A vedere il filmato, Duncan non ha fatto alcuna ricerca in ff ha solo verificato, da esperto in misurazioni energetiche, che nell’esperimento degli israeliani ci fosse effettivamente un eccesso di energia, cioè che tutte le misure fatte fossero corrette.
    Ma questo evidentemente non basta perché il famoso Garwin dubita, e poi dubita e ancora dubita, e anche quando gli viene fatto notare che anche la DARPA (l’agenzia per i progetti di ricerca avanzata del dipartimento della difesa USA) dopo aver fatto una sua analisi conclude che

    “nessun dubbio che eccessi di calore anomali siano prodotti in questi esperimenti”,

    Mr Garwin che fa: lui dubita ancora, “possono affermare che ci sono eccessi di calore, ma non che ci siano dubbi” e il tutto perchè lui è la prova vivente del dubbio infatti l’unica fusione sulla terra la fatta lui con la bomba ad idrogeno.

    Date alla gente giusta 1/100 dei finanziamenti che vengono dati oggi per l’ITER e vedrete cosa ne salta fuori in un decimo del tempo che servirà all’ITER. Date gli stessi soldi ad un famoso e benemerito Garwin qualunque e saranno soldi buttati nel cesso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...